MaltaMedia Click Here!
Wired Malta
  A blog from the MaltaMedia Online Network  | MAIN PAGE | NEWS | WHAT'S ON | FEATURES | WEATHER | CONTACT ROBERT

Thursday, August 27, 2009

Black hole

Writing in Il Giornale, Rolla Scolari takes a critical look at how Malta is dealing with illegal immigrants:

La comunità africana è già una realtà sull’isola, ma è ben separata dal resto della popolazione. Malta, dove ci sono diversi centri di detenzione, passaggio obbligato per tutti i clandestini, è l’unico Paese dell’Unione che detiene automaticamente gli immigrati illegali per un periodo massimo di 18 mesi. Però nessuno dice niente, nessuno ricorda, nessuno si vergogna.

Nel 2008, sono stati 2.800 gli immigrati che dalle coste africane hanno raggiunto l’arcipelago. Qui gli sbarchi sono questione all’ordine del giorno dal 2002, eppure sono poche le tracce d’integrazione. E non è difficile intercettare i sentimenti xenofobi che crescono ogni giorno di più. «Se gli italiani temono che gli stranieri portino via posti di lavoro, da noi la questione è molto più razziale – spiega la giornalista Daphne Caruana Galizia – mc’è uno specifico sentimento contro gli immigrati neri e sono molti i maltesi d’accordo con il lasciare in mare i barconi». La storia della signora, nota editorialista del Paese, racconta una Malta che non si indigna più se un gommone d’immigrati è accompagnato verso l’ignoto invece di essere immediatamente tratto in salvo...

Post a Comment

Links to this post:

Create a Link

<< Home